Your browser does not support JavaScript!

[ login ]
   
background image background image background image
fulls

Il tesoro di Keros

Scavi sul lato occidentale di Keros, in località Kavos Daskalio, hanno portato alla luce reperti archeologici di grande valore, tra cui più di 100 idoli in marmo. Tra i più noti, c’è l’Arpista, il Flautista e l’idolo della Grande Madre, di 1,40 m di altezza, unico nel suo genere.  Negli anni Cinquanta, numerosi oggetti provenienti dal cosiddetto “Tesoro di Keros” erano finiti nelle mani di ladri di opere d’arte, per ritrovarli nelle vetrine di musei all’estero. Gradualmente, lo stato greco è riuscito a rimpatriarli ed ora, la maggior parte è esposta nel museo di Arte Cicladica, ad Atene.

La scoperta della grotta con gli oggetti di culto di epoca protocicladica, rotti deliberatamente, esclude l’eventualità dell’esistenza, in quel punto, di un laboratorio o un insediamento. Molto probabile è che in quel punto esistesse un tempio dedicato alle divinità ctonie, oppure si credeva che Keros costituisse “la porta dell’Ade”, e per questo motivo attirava antichi dedicatari. 

 

map
[ calendar ]
May  2019
Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat
1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31
<< >>
[ myaegean ]
EU
Co-financed by Greece and the European Union - European Regional Development Fund
ESPA