Your browser does not support JavaScript!

[ login ]
   
background image background image background image
fulls

Αpiranthos (t’ Aperathou)

Il paesino è citato fin dal 1413 dal periegeta Buondelmonti. Si chiamava Apiranthos, e prima ancora Apirathos. Si è sviluppato intorno alle due torri, probabilmente nel XVII secolo, che appartenevano a signori franchi. Conserva la sua architettura tradizionale ed ospita dei musei molto interessanti. Gli abitanti conservano delle tradizioni autentiche, usi e costumi di altri tempi, tanto da renderlo un paesino che resta al centro della tradizione popolare e della creatività nell’Egeo.   
map

SANGRI’

Il suo nome deriva da Saint Croix, la denominazione francese del vicino monastero della Croce (oggi, torre Bazeos). A Kato Sagrì, la parte bassa del paesino, accanto alla chiesa di Evangelismos (Annunciazione della Madonna), esistono le rovine della torre. La parte alta del paesino, Ano Sagrì, ha un’architettura eccezionale e vale la pena passeggiare per i suoi vicoli imbiancati di calce. All’ingresso del paesino, dopo i grandi mulini a vento, si può ammirare l’impressionante chiesa di Agios Eleftherios (Sant’Eleuterio), una chiesa a torre con vecchi edifici in cui funzionava la scuola durante la dominazione dei Turchi e quella veneziana.     
map
[ calendar ]
August  2019
Sun Mon Tue Wed Thu Fri Sat
1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
<< >>
[ myaegean ]
EU
Co-financed by Greece and the European Union - European Regional Development Fund
ESPA